Vai al contenuto

Fare business su Youtube? Si, ecco come!

youtube-storytelling1-meglioinformarsi.it

Youtube è uno strumento molto potente per raggiungere un gran numero di potenziali clienti, utilizzando le risorse messe a disposizione dalla piattaforma di Google.
Fare business su Youtube è possibile, ecco come fare!

Youtube attualmente è il secondo motore di ricerca più utilizzato al mondo, dopo Google, essendo accessibile in più di 75 lingue diverse ed avendo più di un miliardo di utenti attivi, raggiungendo così il 95% della popolazione mondiale.

Molto spesso si associa Youtube al mondo della musica e dello spettacolo, dimenticando che ogni mese vengono visualizzate circa 10 miliardi di ore di video che, in alcuni casi vengono anche condivisi sugli altri social e divengono virali.

Per conquistare nuovi potenziali utenti non è importante il budget a disposizione, ma sopratutto professionalità e tanta creatività, in modo tale da catturare l’attenzione e soddisfare la curiosità.

I primi passi sono:

  • creare un canale che rispecchi l’identità della vostra azienda o dei prodotti che volete pubblicizzare;
  • personalizzare la copertina del canale e inserire il logo, con la possibilità di poterlo inserire anche in tutti i video;
  • frequenza e costanza nel caricare i video;
    tempo da dedicare a questo complesso strumento

Pur non essendo tutti dei registi, grazie a Youtube, è possibile riuscire a conquistare molti utenti, uno dei requisiti è che i contenuti mantengano sempre un certo livello di qualità.
Naturalmente il tipo dei contenuti variano a seconda del tipo di azienda, se siete presenti sul mercato ormai da un po’ di tempo, potrete puntare sullo Storytelling.

In questo modo, potrete parlare della vostra azienda, di come è nata, a chi vi rivolgete e per quale motivo dovrebbero scegliere i vostri prodotti o servizi. Magari anche facendo dei brevi video in cui compaiono i vostri dipendenti o nel quale mostrate la vostra azienda ed il modo nel quale voi operate.

Se volete incrementare la divulgazione e la brand reputation, dovete anche scegliere gli hashtag migliori e più inerenti per ogni video.
Per la scelta di essi dovete tenere conto dell’utilizzo di parole chiavi contenenti termini adatti al proprio target, che siano uniche, come il nome della propria azienda o del proprio logo.

Evitando parole chiave molto lunghe, troppo generiche e distinguendole in base al social network nel quale il video sarà divulgato, tenendo conto che ogni social ha il proprio target ed il proprio modo di suscitare interesse negli utenti.

Per capire quali sono i contenuti più amati e quali utenti avete raggiunto, potete utilizzare l’area “Analytics”, nel quale potrete monitorare per qualsiasi periodo di tempo:

  • il tempo e la durata media di visualizzazione;
  • il numero totale di visualizzazioni;
  • le entrate stimate, se i video sono sponsorizzati;
  • il numero di mi piace, di non mi piace, di condivisioni, di commenti, dei video che sono entrati nelle playlist e degli iscritti;
  • il sesso e le regioni in cui vivono gli iscritti o chi visualizza i video;
    le sorgenti di traffico e i luoghi di visualizzazione.

Un altro strumento di aiuto a Youtube può essere quello di Google AdWords, con il quale potrete divulgare i vostri video e potrete raggiungere il vero obiettivo: un target mirato.

Se si vogliono monetizzare i video del canale e ricevere introiti da Google, il requisito fondamentale è raggiungere 1000 iscritti sul canale e totalizzare, nel corso di ogni 12 mesi, almeno 4000 di visualizzazione da parte degli utenti.
In questo modo è possibile attivare la partnership con Youtube, avendo così la possibilità d’impostare le preferenze di monetizzazione.
Non è possibile stabilire un guadagno medio per ogni video in quanto dipende dal numero ed il tipo di annunci pubblicitari presenti in esso.

Come hai avuto modo di vedere, fare business su Youtube è possibile ma prima ovviamente meglio informarsi!

%%footer%%

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.